Quest’anno l’associazione Nico i Frutti del Chicco di Giovanni e Luca Tortorolo ha scelto di affiancare LUCONLUS nel supporto alla missione di Amakpapè offrendo il sistema di Telemedicina sviluppato dalla associazione GHT Onlus del prof. Michele Bartolo.
Due partnership molto importanti per Luconlus ed un Progetto ambizioso che permetterà di sostenere e migliorare la qualità del lavoro dell’infermeria!

Il sistema di Telemedicina di GHT è costituito da:
un computer connesso a strumenti di diagnosi comuni (elettrocardiogramma e saturimetro) e collegato ad internet
un applicativo sviluppato da GHT in cui la nostra Chiara (l’infermiera che vive nella missione) può inserire le richieste di aiuto (teleconsulti) che dopo la compilazione vengono trasferiti in Italia
un sistema di dispacciamento dei teleconsulti formato da un pool di medici selezionati ed “affiliati” dalla GHT del prof. Bartolo che provvedono a rispondere

Alberto, il nostro socio ingegnere esperto di telecomunicazioni, ha messo in piedi una connessione internet abbastanza stabile da reggere l’installazione del sistema ad Amakpapè.

Abbiamo chiesto ad Alberto di dirci due parole sul sistema e sui risultati: “Il sistema sviluppato da GHT è molto semplice e facile da usare.
Funziona come il pronto soccorso: in fase di richiesta puoi mettere il colore bianco, verde, giallo o rosso per segnalare l’urgenza. I tempi di risposta si riducono al crescere della gravità ma per qualunque richiesta abbiamo costato che sono stati sempre molto buoni.
I medici che rispondo sono stati davvero disponibili e Chiara ha apprezzato moltissimo di avere un aiuto così qualificato e preciso.
Io sono un Ingegnere ma non ho mai visto un utilizzo della tecnologia più efficace della Telemedicina, è straordinario che la tecnologia possa salvare le persone!